Infamous: Second Son – Soluzione
Scritto da RobyIsAwesome90 il 5 Apr, 2014 ore 12:45 AM | in PS4, Soluzioni | con 0 Commenti

Ecco la soluzione di Infamous: Second Son:

Delsin Rowe

Dopo la scena di intermezzo, prenderete il controllo di Delsin. Dovrete scrivere dei graffiti: muovete lateralmente il controller, poi “caricate” il tutto “shakerando” leggermente. Usate R2 per spruzzare lo spray. Completata tale parte del gioco, osservate la successiva scena d’intermezzo, per poi cominciare la fuga attraverso la porta sul retro. Percorrete il sentiero di “Longhouse”, completando così la missione.

Aftermath

Dopo la scena di intermezzo, vi ritroverete in un finto ospedale. Seguite il sentiero verso l’interno, raggiungendo Betty. Continuate ad osservare la scena di intermezzo, riprendendo poi il controllo di Delsin.

Parting of the Ways

Poco più avanti, otterrete lo “Smoke Shot”, un nuovo potere. Sparate verso il basso, poi muovete il Touchpad per recuperare un Blast Shard. Prima di poter recuperare anche i successivi, dovrete ripristinare il vostro “Smoke Power”. Avvicinatevi alla macchina sulla sinistra, premendo velocemente il touchpad per riempire la barra del fumo, in basso a sinistra. Sparate agli altri oggetti volanti, recuperando i frammenti. Continuate poi avanti, fino a raggiungere l’autobus. Sparate alle lastre di cemento lungo il percorso, dunque attivate il menu “Poteri” ed andate a comprare l’abilità “Cinder Blast” (per usarla, tenete premuto R2 finchè Delsin non sparerà). Sfruttate l’oggetto per procedere avanti, colpendo la macchina, fino a raggiungere la scena di intermezzo. Vi troverete ora di fronte ad un ponte. Lasciatevi cader giù, avvicinandovi al primo Core Relay. In questo modo, potrete “lanciare” Delsin dalle macchine. Avvicinatevi dunque alla seguente sezione del ponte, raggiungendo il successivo Core Relay che vi permette di “fluttuare” lungo l’area di gioco. Proseguite ancora avanti, arrivando alla fine del ponte. Correte velocemente verso Reggie per cercare di salvarlo, “tirandolo” su dall’acqua.

Welcome to Seattle

Seguite Reggie fino al checkpoint. Giunto il vostro turno, spostatevi verso lo scanner. Premete il touchpad, poi muovete le vostre dita in cerchio fino a raggiungere il punto richiesto. Purtroppo, lo scanner vi identificherà immediatamente come Conduit e dovrete subito cominciare il combattimento. Localizzerete un gruppo di torri che potrete distruggere usando i Cinder Blast. Attenzione poi al cecchino nei pressi del secondo gruppo di torri; Reggie giungerà in scena e vi parlerà del comando mobile. Il vostro obiettivo sarà distruggere i condotti del Comando Mobile. Prima di farlo, consigliamo di eliminare i DUP presenti in zona, evitando così interruzioni. Sparate dunque ai condotti, rendendo visibile il core. Ruotate poi il touchpad e premete R2 per procedere. Vi troverete ora di fronte ad un soggetto dotato di un’enorme armatura: consigliamo vivamente di tentare di colpirlo dalla distanza, evitando ogni avvicinamento eccessivo. Dopo che avrete inflitto sufficienti danni, l’avversario si ritirerà dietro una barriera. Avvicinatevi a lui e premete i tasti che appariranno sullo schermo per terminarlo. Avvicinatevi al suo corpo e cercate dunque di “risucchiarlo” per completare il livello.

Catching Smoke

Delsin parlerà con Reggie a riguardo del posizionamento di alcuni dei Core Relay, segnalati sulla mappa. Dovrete raggiungere ognuno di essi, liberarvi dei DUP, dunque aprire il Core e risucchiare il contenuto. Il core a nord-est vi fornirà la Comet Drop. Il Core a sud-est vi darà i Cinder Missile. Il core a sud-ovest vi darà la Sulfur Bomb. Cercate di utilizzare i vostri poteri in toto dopo averli acquisiti, completando velocemente la missione.

The Gauntlet

Proiettatevi verso lo “Space Needle”, facendovi strada verso il checkpoint. Procedete fino alla sua cima, muovendovi lungo la scaletta. Usate i condotti di ventilazione per lanciarvi dalle varie piattaforme. Sfruttate dunque i fili e le altre sezioni dello Space Needle per arrivare in cima. Giunti all’osservatorio, dovrete vedervela con alcuni DUP. Liberatevene, dunque usate uno dei condotti di ventilazione per raggiungere la seguente area di gioco. Ve la vedrete dunque con un altro genere di avversario che può utilizzare i “mattoni” come scudo, nonché creare una barriera di cemento attorno a voi, impedendovi ogni genere di movimento. Quando vi sarete liberati dei nemici, cercate di colpire l’ingranaggio nei paraggi: purtroppo, potrete subito notare come i vostri tentativi non abbiano alcuna efficacia. Localizzate dunque il Core Relay, “risucchiandolo” per ottenere l’Orbital Drop. Quando dunque la vostra barra DUP sarà piena, avvicinatevi all’ingranaggio e premete il tasto “basso” sul pad digitale per effettuare l’Orbital Drop. Potrete dunque liberamente scegliere quale motivo collocare sulla bandiera in zona.

Chasing the Light

Nel caso in cui la missione non sia immediatamente disponibile, continuate ad esplorare la città fino a che Reggie vi chiamerà. Giunti al checkpoint, distruggete il comando mobile in zona. Fatto ciò, tornate al segnale e ricominciate la missione. Dovrete ora localizzare il Conduit che si è occupato di terminare i soggetti vostri avversari visibili in zona. Dirigetevi verso la zona del crimine assieme a Reggie, seguendo le luci al neon fino a raggiungere la vittima. Scattate dunque le necessarie foto. Muovetevi dunque verso la seconda macchia, combattendo con un gruppetto di DUP. Avendolo terminato, parlate nuovamente con Reggie. Dovrete ora localizzare le armi, scendendo le scale e schivando i colpi del cecchino. Muovetevi dunque velocemente verso la sua posizione, per poi terminarlo velocemente con un colpo alla testa. Continuate dunque l’inseguimento, finchè Delsin deciderà di non procedere ulteriormente. Tornate dunque alla zona di residenza dei cecchini, esaminando in dettaglio la zona di gioco. Esaminate dunque tutto il necessario, per poi procedere verso la passerella e fare una foto al neon. Parlate con Reggie. Continuate fino al seguente checkpoint, terminando gli spacciatori in zona. Scattate dunque le ultime foto per completare la missione.

Go Fetch

Localizzate gli attivisti nei pressi dell’area anteriore della zona di gioco. Parlate con Reggie, il quale consiglierà di nascondervi nei pressi del cartello a forma di neon. Dirigetevi verso il tetto, premendo il touchpad nei pressi degli scatoloni per procedere verso l’alto. Dopo la scena di intermezzo, cominciate a rincorrere Fetch. Vi verrà insegnato come fare per correre lungo i muri, abilità che vi permette di aumentare la vostra velocità. Vi ritroverete infine nei pressi di Fetch, il quale farà esplodere il tetto, facendovi cadere verso l’interno del vicino edificio. Dovrete ora combattere contro Fetch; durante le fasi di gioco iniziali, l’unico modo per danneggiarla consiste nel cercare di “risucchiare” l’elettricità dai cartelli al neon, sicchè Fetch non possa aumentare il suo livello di potenza. Fatto ciò, sparate i colpi al neon usando il tasto R2. Continuate dunque a cercare di colpire ripetutamente Fetch, fino ad azzerare i suoi HP (la barra corrispondente sarà visibile nella parte alta dello schermo). Fetch si muoverà periodicamente, cercando di far perdere le sue tracce; voi vi potrete tuttavia servire della “traccia” di luce che ella rilascerà al suolo. Quando/se avrete bisogno di migliorare il vostro livello di punti-vita, nascondetevi velocemente dietro ad uno degli alberi in zona. Dunque, dopo il combattimento, potrete (liberamente) scegliere se propendere per i cattivi o i buoni – in ogni caso, la missione sarà completata.

Light it Up

Parlate con Delsin che vi chiederà di andare a localizzare dei successivi Core Relay, con l’obiettivo di acquisire nuove abilità. Dirigetevi verso il primo checkpoint, corrispondente al primo Core Relay, per ottenere l’abilità “Laser Insight”. Seguite dunque le tracce di Fetch per arrivare al secondo Core Relay. Procedete verso i successivi due, che potrete raggiungere con estrema facilità, per portare a compimento la missione ottenendo in cambio ben quattro nuove abilità.

Fight Intolerant (Cattivi)

Questa missione potrà essere attivata solo se sceglierete di “corrompere” Fetch una volta che avrete terminato la missione “Go Fetch”. Il vostro obiettivo consiste nel localizzare gli attivisti, i quali vogliono terminare completamente i Conduit. Raggiungete dunque il primo checkpoint, cominciando a colpire gli attivisti, fino a quando vi verrà esplicitamente detto che sono stati messi KO. Fetch dirà dunque che vuole raggiungere il leader degli attivisti. Localizzate le zone “segnate” sulla mappa: dovrete visitarle una ad una, distruggere i DUP nei paraggi e ripetere la procedura fino a che tutti i checkpoint saranno spariti dalla vostra mappa. Entrerete dunque in contatto con Fetch che vi dirà di aver localizzato il leader degli attivisti. Dirigetevi verso il tunnel, entrateci, liberatevi degli agenti DUP in zona, usando i veicoli nei paraggi come copertura. Giunti alla fine del tunnel, partirà una scena di intermezzo durante la quale farete “finta” di arrendervi, posti di fronte ad un grande gruppo di studenti DUP. Otterrete in aggiunta anche un attacco denominato “Karmic Streak”. Giungeranno dunque in scena alcuni agenti DUP: continuate a combatterli, uno ad uno, fino a quando li avrete terminati tutti, andando così a completare la missione.

Trash the Stash (Buoni)

Fetch necessita di aiuto per eliminare un gruppo di spacciatori. Dirigetevi verso la Marina, ove gli spacciatori dovrebbero trovarsi. Purtroppo, vi troverete di fronte ad una grande quantità di avversari: concentratevi sull’eliminarli, mentre Fetch sarà alla ricerca dell’esatta posizione delle tre navi contenenti la droga. Quando le avrà trovate, dirigetevi in zona. Il vostro obiettivo sarà il seguente: entrare in ognuna delle navi, localizzare la droga ed avvertire Fetch usando una “tag”, sicché egli le possa poi far esplodere. Giunti alla seconda barca, vi troverete tuttavia di fronte ad un soggetto intrappolato al suo interno. Aprite la porta della cabina per lasciarlo uscire. Quando avrete completato il vostro compito con le “barche”, dovrete procedere verso il magazzino, ove troverete un altro gruppo di nemici. Avendo eliminato anche loro, tornate da Fetch. Dopo la distruzione delle barche, la missione non si potrà purtroppo considerare terminata: pare che stia per essere effettuata un’ultima spedizione. Cominciate dunque a seguire il camion, cercando di non essere visti – sarà bene procedere lungo i tetti, seguendo sempre Fetch. Quando il camion si fermerà, liberatevi dei nemici rimanenti per completare la missione.

The Test

Fatevi strada verso il ponte segnalato. Usate i poteri al neon per salire fino alla sua cima. Delsin si occuperà dei nemici fornendovi copertura, mentre voi dovrete muovervi in avanti lungo il ponte. Dovrete riservare particolare attenzione alle torrette automatiche, cercando di rimanere sempre coperti per evitare il loro fuoco. Superate le torrette, raggiungerete un burrone con due cecchini posti ai suoi lati. Saltate sulla macchina per proiettarvi aldilà del ponte, cercando di colpire i cecchini durante il vostro salto, sicchè non vi siano più pericoli una volta che sarete atterrati.

Lasciatevi dunque cadere verso l’ampia area sottostante, ove ve la dovrete vedere contro un agente DUP di notevole stazza. Durante le fasi iniziali, consigliamo di “risucchiare” l’energia dalle zone-neon, così da accumularne un po’ per voi stessi, dato che è molto probabile che vi troviate (al momento) ad averne molta poca. Dovrete poi cercare di colpire il boss con un raggio al fosforo, facendolo precipitare a terra. Egli cercherà dunque di proiettarsi verso di voi, utilizzando un attacco analogo ad una “frustata”: non appena lo vedrete avvicinarsi, muovetevi subito lateralmente per evitare ogni suo colpo. Continuate dunque a colpirlo con i Phosphor Beam per sconfiggerlo definitivamente. Dopo una serie di scene di intermezzo, vi ritroverete nel Lantern District.

The Fan

Potrete iniziare questa missione solo dopo che avrete eliminato il comando mobile nei paraggi. Fatto ciò, andrete ad incontrare Eugene. Parlate con lui, dunque dirigetevi verso il checkpoint da cui giungono i Conduit. Spostatevi sotto al ponte, distruggendo quattro delle colonne di supporto. Muovetevi verso il ponte, attendendo l’arrivo del convoglio. Liberatevi degli agenti DUP posti a guardia del convoglio. Fatto ciò, muovetevi verso uno dei bus nei paraggi, interagendo con il touchpad per attivare una veloce scena di intermezzo.

Eugene vi parlerà di una “app” del suo telefono che gli permette di localizzare i bus. Tirate fuori il telefono per cominciare a localizzarli. Dirigetevi nella direzione indicata dal telefono stesso. Liberatevi degli agenti DUP, uccidendo anche i successivi nemici nei paraggi. Esaminate dunque l’autobus: noterete immediatamente come sia vuoto. Raggiungete dunque il secondo autobus, ove non troverete alcuna resistenza – ma l’autobus stesso sarà purtroppo vuoto. Continuando fino al terzo, aiutate gli angeli a terminare i vicini DUP. Esaminate l’interno dell’autobus per completare la missione.

Reggie Takes Flight

Esaminate anzitutto i vasi in zona, usando preferibilmente il touchpad per aprirli in serie, fino a trovare quello giusto. Purtroppo, il soggetto che localizzerete al suo interno fuggirà e dovrete andare direttamente a riprenderlo. Per vostra fortuna, gli “aiutanti” che avete conosciuto durante una delle precedenti missioni si occuperanno del vostro avversario. Potrete dunque notare dei cerchi sulla mappa, i quali segnalano i successivi avversari che dovrete terminare. Proiettatevi in zona ed uccideteli in serie, fino a quando riceverete comunicazione esplicita a riguardo di uno dei Conduit, il quale si trova apparentemente nei pressi dell’area di costruzione. Dirigetevi in zona, salite in cima, localizzando una gru. Localizzate dunque il Conduit, esattamente in cima alla gru, nei pressi del suo “braccio” finale. Provate ad avvicinarvi: il Conduit salterà giù. Verrà tuttavia intercettato da uno dei vostri assistenti.

Dopo una breve scenetta, potrete parlare con Reggie, il quale vi chiamerà dicendo che dispone di uno specifico piano. Dirigetevi verso il parco per incontrarlo. Provate a rincorrerlo, fino a quando uno dei vostri “angeli” giungerà in zona per prelevarlo. Cominciate dunque ad inseguire l’angelo, trovandovi infine in cima ad un edificio. Farete partire una scena di intermezzo.

Svariati angeli e demoni usciranno dunque dallo schermo della televisione. Il vostro obiettivo sarà distruggere tutti gli schermi di tutte le televisioni. Consigliamo di procedere con lentezza, sistematizzando la distruzione: posizionatevi anzitutto dietro ad una colonna, nei pressi di uno specifico schermo, polverizzandolo senza che i nemici possano sfiorarvi. Potrete dunque passare alla successiva colonna, “terminare” il seguente schermo, e così via.

Heaven’s Hellfire

Muovetevi lungo lo scantinato, raggiungendo un’ampia arena, ove saranno presenti alcune piattaforme fluttuanti e della lava. Localizzate dunque l’angelo, denominato “He Who Dwells”. Il vostro obiettivo sarà sconfiggerlo. La battaglia si svolgerà in tre fasi; le armi più efficaci per il vostro successo saranno i missili Cinder e i lampi al Fosforo. Lungo le piattaforme, potrete localizzare un’ampia quantità di “sorgenti” che vi aiuteranno a massimizzare la quantità di energia a vostra disposizione.

L’avversario disporrà principalmente di due attacchi: uno dei due consiste nello “sparare” un laser, in maniera analoga a quanto visto per i laser considerati in precedenza. Il secondo attacco consiste invece in un enorme colpo “focalizzato” che andrà ad esplodere non appena colpirà voi (o qualsiasi altro oggetto). Avendo inflitto una quantità sufficiente di danni, vi ritroverete all’interno dello scantinato, venendo poi trasportati nuovamente avanti.

Durante la prima fase di questa seconda “sezione” dell’avventura, limitatevi a procedere di piattaforma in piattaforma, colpendo velocemente il nemico. Passando alla seconda fase, la procedura diventerà più complessa, poichè il boss diventerà invulnerabile non appena avrete inflitto una quantità “notevole” di danni, e le piattaforme intorno a voi cominceranno a cadere, lasciandovi soli in mezzo alla lava: dovrete dunque continuare a saltare avanti per raggiungere le piattaforme susseguenti, senza soluzione di continuità. Giunti alla terza fase, potrete notare un gruppo di “angeli” che creeranno una barriera attorno all’attuale posizione del boss: dovrete colpirli in sequenza per causare la scomparsa del boss medesimo. Completata la battaglia, potrete scegliere se corrompere o redimere Eugene, ove la prima scelta vi assegnerà dei punti per i “cattivi”, mentre la seconda scelta vi assegnerà dei punti per i “buoni”. Effettuata la selezione, anche la missione potrà dirsi completata.

Zero to Hero

Purtroppo, i vostri poteri iniziali non potranno essere immediatamente utilizzati. Dovrete dunque incontrare Reggie nei pressi del più vicino vicolo. Parlate con lui, il quale deciderà dunque di aiutarli. Cercate ora di “prelevare” il contenuto del vicino Core, ottenendo in tal modo l’accesso all’invisibilità. Seguite dunque Reggie verso la zona successiva. Interagendo con gli oggetti in zona, otterrete una nuova abilità “corpo-a-corpo”. Liberatevi dei DUP in zona. Dopo la chiamata di Eugene, dirigetevi verso il successivo Core Relay, ove dovrete eliminare un gruppo di Akurans. Fatto ciò, aprite il Core Relay e cercate di “risucchiare” il suo contenuto, ottenendo il Video Surge che vi permetterà di muovervi in aria e lungo gli edifici.

Recuperate dunque le “lame” dal successivo Core Relay e sfruttatele immediatamente per eliminare l’elicottero in arrivo, visibile sulla sinistra. Procedete velocemente verso il seguente Core Relay, che vi donerà potenzialmente la capacità di usare R2 per sparare dei colpi “standard”.

Liberatevi degli agenti DUP in zona, che vi separano dall’ultimo Core Relay. Giunti nei suoi paraggi, liberatevi dei DUP che giungono dai dintorni, aiutando Eugene e i suoi demoni. Dopo averli eliminati in toto, cercate di “risucchiare” il contenuto del Core Relay per ottenere un aggiuntivo Hellfire Swarm – lo potrete ricaricare grazie ai vostri poteri video, ottenendo così una Bomba Karmica. Sfruttate velocemente i suoi poteri sui DUP che giungeranno in zona, completando così la missione.

Hunting the Hunters

La missione potrà essere svolta solo se avete scelto di “corrompere” Eugene. Egli vuole raggiungere Akuran e necessita del vostro aiuto. Ne troverete un gruppo nei pressi dell’area delle costruzioni, tuttavia il vostro compagno vuole che li eliminiate, sicché i vostri amici-demoni possano raggiungerli. Giunti dunque in zona, muovetevi verso la cima, per poi scendere la rampa.

Continuate a uccidere i nemici, fino a quando Eugene dirà di raggiungere il tetto. Salite, dunque continuate nuovamente ad eliminare alcuni Akuran. Continuate avanti. Eugene parlerà di qualcosa di potenzialmente “grosso”: sfruttate dunque il segnale per andare poi a localizzare il successivo gruppo di Akuran. Muovetevi dunque verso l’alto, premendo il tasto “alto” sul D-Pad per attivare il segnale. Dirigetevi dunque nella direzione che vi permette di “diminuire” la distanza tra un’onda del segnale e la successiva. Uccidete gli Akuran. Usate nuovamente il segnale per localizzare la successiva zona da raggiungere. Lì dovrete terminare un secondo gruppo di Akuran, nonché alcuni DUP.

Continuate verso la terza area principale di gioco, che sarà fittamente popolata da nemici. Dovrete cercare di operare con estrema cautela per minimizzare la probabilità che vi scovino. Liberatevi della prima ondata, andando poi ad affrontare due agenti DUP: consigliamo di sfruttare i vostri attacchi a “base” di R1 per terminarli velocemente, così da infliggere una maggiore quantità di danni per colpo al nemico. Eugene riapparirà all’interno della zona di gioco, e sarà ora un demone di grandi dimensoni – consigliamo di eliminare tutti i nemici “minori” in zona per completare la missione il più velocemente possibile, passando alla successiva.

Flight of the Angels

Dirigetevi verso la zona delle costruzioni, liberandovi degli Akuran in zona. Esaminate dunque la zona “chiusa” visibile nei pressi di ogni piano dell’area di costruzione. Non troverete, per vostra sfortuna, alcun Conduit.

Dopo breve tempo, andrete ad udire un gruppo di elicotteri che incombe in zona. Muovetevi verso il tetto; essi cercheranno di muoversi usando i container. Parlate con Eugene, sicché egli faccia “scendere” i container verso la vostra zona. Saltate dunque sul container a voi più vicino, sparando dunque verso l’ingranaggio al centro del gruppo di container. Dovrete ripetere la procedura anche per gli altri container in zona. L’ultimo di essi sarà sorvegliato da un gruppetto di DUP, dovrete dunque cercare di terminarli prima di procedere all’attivazione. Avendo completato tale compito, la missione potrà considerarsi compiuta.

The Return

Parlate con Reggie, ottenendo informazioni sull’enorme esplosione. Dirigetevi verso il checkpoint visibile sulla mappa per cominciare la missione, raggiungendo l’area acquatica ed esaminando la zona. Giunti lì, potrete notare come l’intera zona di gioco sia stata completamente rasa al suolo: scattate una foto, da mostrare a Reggie. Dopo aver effettuato la foto, dovrete vedervela con un gruppo di DUP che giungeranno in zona. Liberatevene, dunque recuperate l’elmetto, ottenendo informazioni su Hank: apparentemente, è ancora in vita. Liberatevi del seguente gruppo di DUP. Scattate una foto, dunque parlate con Fetch, il quale giungerà in zona e dirà che uno dei soggetti nelle vicinanze sta cercando di distruggere gli elicotteri DUP.

Continuate fino al checkpoint, incontrando Fetch. Dirigetevi fino al tetto, parlando con Hank. Purtroppo, correrà via subito. Cominciate ad inseguirlo, fino a quando si fermerà su uno dei tetti assieme ad alcuni agenti DUP. Liberatevene, ma purtroppo Hank se ne andrà velocemente via. Parlate con Reggie per ottenere nuovamente informazioni sulla sua posizione. Continuate poi avanti fino ad osservare la scena di intermezzo.

Quid Pro Quo

Prima di poter cominciare la missione, dovrete liberarvi del comando mobile nei paraggi. Potrete notare quattro condotti di ventilazione lungo i suoi pilastri: distruggeteli tutti, per poi polverizzare anche il Core. Prestate inoltre attenzione agli elicotteri in zona.

Durante la scena di intermezzo successivi, andrete automaticamente ad incontrare Hank e Reggie. Per riuscire a raggiungere l’isola, avrete forzatamente bisogno dell’abilità “Smoke”: recuperatela prima di cominciare a seguire Hank. Polverizzerà per vostro conto un tubo, e voi potrete sfruttare Smoke Dash per procedere avanti lungo il condotto, raggiungendo infine l’isola. Il vostro obiettivo sarà la distruzione di alcuni pilastri di cemento (segnalati da un’apposita icona), così da rendere visibili le guardie DUP. Liberatevi anzitutto del primo gruppetto di nemici, spaccando poi il secondo pilastro. Purtroppo, durante la successiva fase, non potrete utilizzare appieno i vostri poteri “Smoke” a causa della presenza di un soffitto, e non potrete neppure utilizzare con efficacia l’Orbital Drop. Liberatevi anzitutto dei cecchini nei paraggi, nonché di uno dei soggetti dotati di mitragliatrice. Distrutti i quattro portali, con l’aiuto di Hank potrete “scoprire” un condotto di ventilazione, da utilizzare per raggiungere il Core Relay.

Fatevi poi aiutare da vostro fratello per procedere senza subire danni. Dopo la scena di intermezzo, vi troverete – letteralmente – con le mani “legate”. Dovrete dunque raggiungere vostro fratello, mentre schivate i nemici e le torrette nei dintorni. Consigliamo di utilizzare le vicine coperture per evitare i colpi delle auto-torrette. Vi posizionerete dunque nei pressi di Reggie, per poi raggiungere vostro fratello.

Dopo una serie di eventi, comincerete la vostra battaglia contro Augustine. Il suo attacco più dannoso è il lancio di massi, che sopraggiungerà ogni volta in cui la vedrete fluttuare in aria: in quegli istanti, dovrete muovervi orizzontalmente a ripetizione, per evitare i suoi lanci. Usare dei colpi “standard” sarà del tutto inutile, dato che saranno parati dal suo scudo. Dopo aver inflitto una sufficiente quantità di danni, l’avversario cadrà verso il terreno e voi la potrete colpire a ripetizione. Avendola colpita tre volte, potrete effettuare un Orbital Drop e completare così la prima fase del combattimento. Prima che inizi la seconda fase, dovrete vedervela con un gruppo di avversari DUP. Quando li avrete terminati, Augustine tornerà in scena per passare alla seconda fase. Per vostra fortuna, verranno collocati in scena alcuni monitor da cui potrete “assorbire” del potere Video. Per il resto, la seconda fase del combattimento sarà esattamente uguale alla precedente, dunque anche la vostra strategia di gioco non dovrà in alcun modo variare.

 

Smoke and Mirrors

 

Un gruppo di DUP giungerà in scena, cercando di attaccarvi. Liberatevi di essi, dunque parlate con Delsin. Salite sul vicino edificio, premendo il tasto “alto” sul pad digitale per posizionarvi in un’area sopraelevata rispetto all’avversario. Avvicinatevi progressivamente ad esso, dopodichè apparirà un checkpoint sulla vostra mappa. Procedete in zona, completando velocemente la battaglia contro i DUP. Completato questo obiettivo, dovrete nuovamente localizzare il segnale, collocandovi su un edificio sopraelevato. Usate il telefono per ottenere informazioni sull’esatto posizionamento di Hank.

Dovrete dunque dirigervi verso la cima del più vicino tetto, ove vi saranno altri DUP ad attendervi, assieme ad un elicottero. Effettuate l’ennesimo tracking, localizzando Hank mentre si dirige verso la Marina (un checkpoint apparirà sulla mappa). Giunti in zona, colpitelo a ripetizione per attivare una scena di intermezzo. Dovrete dunque effettuare un’ultima scelta “Karmica”, ovvero scegliere di risparmiare Hank oppure ucciderlo (ove la prima scelta vi permette di migliorare il vostro Karma, mentre la seconda va a peggiorarlo). Godetevi dunque il finale della missione.

Uccidere Augustine

Localizzate il checkpoint sulla mappa che diverrà visibile dopo che avrete completato la precedente missione. Vi troverete in cima ad un edificio associato ad un generatore. Potrete dunque scegliere se uccidere Augustine oppure semplicemente farla “scoprire” per quello che è in realtà, ove la prima opzione aumenta il vostro Karma “negativo”, mentre la seconda aumenta il vostro Karma “positivo”.

Scegliete l’opzione da voi preferita, dunque usate il touchpad per disattivare la torre. Liberatevi degli agenti DUP posti esattamente davanti alla torre. Passate ad usare Smoke, poi muovetevi lungo il condotto di ventilazione e scalate la torre. Parlate con Fetch, lanciandovi verso la successiva sezione grazie al condotto da lui liberato. Usate il pilastro per proceder verso l’alto. Continuate avanti fino all’arrivo dei due elicotteri.

Quando vi verrà data la possibilità di usare i poteri Video, fatelo immediatamente, salendo fino al tetto dell’edificio. Liberatevi di Fetch mentre ella crea un buco nel muro, che vi permetterà di procedere verso l’interno dell’edificio medesimo. Quando avrà completato il suo lavoro, proiettatevi velocemente verso il piatto del satellite, tenendo premuto quadrato per continuare adlilà del foro, arrivando al cospetto del boss.

Boss: Brooke Augustine

La particolarità del combattimento sarà che Augustine dispone di uno scudo e può lanciare verso di voi dei massi di pietra. E’ anche in grado di lanciare delle scariche di fulmini verso la vostra direzione. Il combattimento si dovrà svolgere in maniera analoga al precedente, lanciando dunque delle lame verso i nemici per rimuovere il loro scudo. Avendo messo KO per tre volte un nemico, potrete sfruttare il Karmic Streak.

Passerete ora alla seconda fase del combattimento. Augustine si trasformerà in uno Scorpione, cercando di colpirvi con due “scariche” consecutive di colpi. Il vostro obiettivo sarà sopravvivere finchè Eugene lancerà verso di voi un Core Relay, fornendovi l’abilità “Boulder Dash”. Continuate poi avanti fino al successivo Core Relay, recuperando un bisturi di cement. Potrete dunque “sparare” usando il tasto R2, infliggendo così gravi danni ad Augustine.

La seguente abilità che andrete ad ottenere sarà “Concrete Thrusters”, che vi permetterà di fluttuare in aria. Voi dovrete continuare ad utilizzare le stesse mosse di prima, fino alla caduta dell’ultimo Core Relay. Otterrete in questo modo un nuovo attacco, attivabile premendo R1 che infligge molti più danni di tutti gli altri attacchi “standard”. Per vostra sfortuna, proprio in questo momento Augustine comincerà ad utilizzare degli attacchi più veloci. Per evitarli, dovrete muovervi orizzontalmente lungo l’area di gioco.

Quando Augustine otterrà la capacità di “appiattirsi” e scivolare lungo l’area di gioco, consigliamo di sfruttare la vostra abilità “fluttuante” per avvicinarvi velocemente a lei senza doverla incontrare a livello del terreno. A questo punto, Augustine si trasformerà in un serpente e cercherà di colpirvi effettuando un “affondo” verso di voi: attendete dunque il momento in cui questo affondo sta per essere effettuato, per poi spostarvi subito verso uno dei due lati e colpirla quando rimarrà vulnerabile. Quando i suoi HP saranno a zero, avrete completato il gioco!

RobyIsAwesome90

Note su - Le mie passioni più grandi sono le scienze, i giochi d'intuito e il wrestling. Mi piace recensire i giochi sia belli sia brutti ma soprattutto quelli belli perchè mi diverto di più. Sono graditi i commenti e se volete chiedermi di recensire qualche gioco fatelo pure perchè sarò ben lieto di farlo.

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.